INTRO

questo blog nasce da un fremito. Dopo avere assunto stramonio all'angolo di una via montuosa ho avuto visioni dell'anno 4441. A quell'epoca era stato riassunto il calendario Maya, che inizia da una data mitica 5 Ahua 8 Cumhu e giunge fino alla fine del Mondo. Su un planetoide burocraticamente parte del Coordinamento interdipartimentale delle 15 galassie veniva sperimentata la possibilita di ibernazione attraverso le modifiche determinate dal protocollo Hymen Gottuso. Il planetoide si chiama Rorschach Phenoid in omaggio ad una possibilità. La squadra ibernata era formata da individui sceltissimi e categorizzati 10 bis per qualità fisiche intellettuali ed arroganza. questa squadra era costantemente monitorata da un manipolo altrettanto selezionata da tecnici ad altissima preparazione et curriculums che lo metterebbero in culo persino a Dio. l'ultima ruota del carro era un certo Frankie Flowers che si occupava di rinfrescare i terminali,togliere le muffe biorganiche, svuotare le latrine chimiche. Un bel giorno del 4441 la scoreggia di una supernova inclina il piano sulla mappa cosmica di Rorschach Phenoid. Ne segue un casino: Tutti i tecnici schiattano ma,miracolosamente, l'impianto di conservazione dei palloni gonfiati ibernati rimane inalterato. L'unico sopravvissuto del personale tecnico e paratecnico è,ancora miracolosamente, Frankie Flowers. Questa è la storia del suo riscatto e della sua vendetta.

N.B.il contenuto della narrazione è ovviamente alla rovescia e parte dalla fine come la scrittura maya. si prega di seguire i links per spupazzarsi tutto il trip. Grazie.


lunedì 26 ottobre 2009

fAsCiA LeMmE 129. AnNo 4441. PrOsPeTtIvA
Nella Dimensione Contraddittoria il Tempo non viene annullato semplicemente sospeso/vidi anche Drifter che mi aveva seguito e insieme guardavamo le ombre degli annullatori avvicinarci impotenti/Ecory era rimasta nel flat e temevamo per Lei ma non potevamo nulla/semplicemente avevamo bisogno di un tempo supplementare tanto prima o poi saremo dovuti tornare a sortire di là/

La Dimensione Contraddittoria è un sottomondo presente sotto ogni resort del Buco Del Culo Del Pianeta Madre/vi si può scendere per riflettere per ritrovare i propri pensieri o per evitare una situazione spiacevole nel tempo reale/quest'ultima è la condizione più rischiosa perchè la Dimensione Contraddittoria è un prodotto puramente cerebrale e per essere attivata bisogna calarsela nel modo più assoluto/ una minima incertezza al momento dell'innestamento e si resta con le chiappe sulla superficie preda delle condizioni effettive/

che cazzo/ ci muovevamo come lucci nel fondotinta/ le ombre stropicciate degli annullatori ci incrociavano ma non potevano toccarci/potevamo odorare i loro occhi rossi sentire il tanfo stesso della Morte risalire dalle Cantine Inconsce/ Parlai con Drifter e la mia voce si sdoppiava in altergamme dissi che doveavamo inventarci un'uscita vicino Spatzen il quartiere degli hippies assassini consumatori di fregne ed otturatori di giunzioni croniche/ Da Loro avremmo sicuramente avuto ospitalità perchè nemici da sempre delle autorità/però dovevamo costruire una specie di mandala cromosomico per distruggere i glitters fetali degli annullatori/
Da dietro le sbarre temporali intanto vedevamo Ecory fatta a pezzi e piangemmo tutte le nostre lacrime immaginarie/ saremmo tornati e l'avremmo vendicata/ intanto avevamo da costruirci le vite possibili degli annullatori e poi frantumarle in un istante/ Contattai Drifter e mentalmente lo mossi ad una spiaggia con resets e macerie di balene/ lì le madri degli Annullatori stavano raccogliendo foglie per farne placente Armour da utilizzare al momento della nascita dei loro bastardi/ Cominciai a bastonarle sino a farne uscire la materia mentale poi le trascinai sotto la pioggerellina e con due mani tremanti accesi dei cerini e diede fuoco ad una pira di organico sotto i loro cadaveri/Drifter/pur riluttante/mi seguì nello scempio

E fu così che gli annullatori si dissolsero in mezzo a grida stridule e noi trovammo la porta per Spatzen

Nessun commento:

Posta un commento