INTRO

questo blog nasce da un fremito. Dopo avere assunto stramonio all'angolo di una via montuosa ho avuto visioni dell'anno 4441. A quell'epoca era stato riassunto il calendario Maya, che inizia da una data mitica 5 Ahua 8 Cumhu e giunge fino alla fine del Mondo. Su un planetoide burocraticamente parte del Coordinamento interdipartimentale delle 15 galassie veniva sperimentata la possibilita di ibernazione attraverso le modifiche determinate dal protocollo Hymen Gottuso. Il planetoide si chiama Rorschach Phenoid in omaggio ad una possibilità. La squadra ibernata era formata da individui sceltissimi e categorizzati 10 bis per qualità fisiche intellettuali ed arroganza. questa squadra era costantemente monitorata da un manipolo altrettanto selezionata da tecnici ad altissima preparazione et curriculums che lo metterebbero in culo persino a Dio. l'ultima ruota del carro era un certo Frankie Flowers che si occupava di rinfrescare i terminali,togliere le muffe biorganiche, svuotare le latrine chimiche. Un bel giorno del 4441 la scoreggia di una supernova inclina il piano sulla mappa cosmica di Rorschach Phenoid. Ne segue un casino: Tutti i tecnici schiattano ma,miracolosamente, l'impianto di conservazione dei palloni gonfiati ibernati rimane inalterato. L'unico sopravvissuto del personale tecnico e paratecnico è,ancora miracolosamente, Frankie Flowers. Questa è la storia del suo riscatto e della sua vendetta.

N.B.il contenuto della narrazione è ovviamente alla rovescia e parte dalla fine come la scrittura maya. si prega di seguire i links per spupazzarsi tutto il trip. Grazie.


venerdì 20 aprile 2012

Fascia Lemme 354. Anno 4441. Tangente, Cotangente, Secante, Cosecante


Abbandonai MURK che già stava perdendo il contatto e mi infilai fra quelle che sembravano essere due pareti sottili separate solo da poche manciate di centimetri/ sentivo arrivare echi di una conversazione che poteva interessarmi ma ogni volta che avanzavo in quel pertugio ad ingannevole avanzamento ricurvo le voci mi attiravano verso altre direzioni/ e così dopo un cerchio alla testa che s'era mutato in un pianeta sbucai nell'anticamera di alcuni Flabbergasted/ i tecnici che abbandonano il computo per darsi alle sommatorie/ Si percepiva che erano scazzati e la mia presenza non li attugliava più di tanto/ i Flabbergasted parevano essere tra i provvisori di Fara Mu Uyen quelli che aggiottavano maggiormente col sottoscritto/ avevano ad esempio ancora i tratti del viso non scavalcati dalle rughe Dossetti/ quelle che m'aveva confidato prima MURK arrivano dopo avere intrapreso troppe battaglie di estimo con Egan/ e neppure mutavano voce ma la tenevano umana senza quel curioso effetto harmonizer che ti frulla la voce assomigliandola a un gnomo molto amico di zanzare cosmopolite/ stavano burianando perchè si trovavano bene e questo proprio non andava/ Si capiva bene qual'era l'intento di Egan: scendere fra i matematici e gli apprendisti intavolare Grommit & Innerlign dare una bella verniciata di partecipazione collettiva e ingarbugliare i fili/ Gli Antisettici come me e come Drifter avevano bisogno di Capi di un'estremità che non toccassero esattamente i capi dell'altra estremità insomma che non ci fosse casino e che gli obbiettivi fossero chiari/ Egan prendeva i maggiori talenti algebrici delle Terre a Sud delle Doppie Punte Yem e le annegava nel brodo di un'eterna competizione privata a base di PUOI RENDERE UN PICCOLO ERRORE BASTAVA UN GHESSIOMA/ tutte cagate da quel che mi avevano raccontato e da quello che stavo occhieggiando/ Interessante che anche i Flabbergasted stessero grattandosi la stessa e allungando le facce/ non c'è gusto a baruffare intorno al cazzo di trioma mi sussurrò Basaniel Esmar uno dei vecchi collectors dei Flabbergasted della Città Esanime/ non mi azzardai a profferire è quello che penso anch'Io/ perchè mi avrebbe dato fuoco solo sbattendo rapidamente le palpebre


Il casino inaspriva/ Lezzer uno dei più scalmanati prese un proiezione fetale e la sbriciolò fra le dita/ Ecco come finiremo colluttò grave annientati ancora prima di uscire dalla placenta perchè Egan vuole lasciarci a cuocere nell'amniotico mentre ho sentito di programmatori che hanno liquidato il parlamento fasullo di Ena-Pyiain con un semplice acrocoro di dati she-looo diretti sul binario giusto dalle 14 gravità fino alla totale assenza di disturbi ergonomici/ i parlamentari allestiti si sono evaporati in mezza dimmophase e tutto il palazzo compreso il Capo delle forze Bashing quelle di repressione si è sfarinato facendo capire che non siamo occupanti ma occupati/ Egan non è un Bastardo Figlio di Puttana ma ha accettato di rimestare il brodo in attesa di una soluzione parallela pensai non è un politico ma ha il velluto dell'uomo di regolo e sta attento che tutte le forze impregnate della flammering 218#90000 non scassino il planetoide prima che arrivi Longelan entro le 6000 dimmophasi che avevo già provvisoriamente calcolato/ così convogliava le teste di fuoco e i bracci di ponte e teneva avvinghiati a una partita di domino dai sapori misto successo misto merda/ era chiaro per chiunque che poteva trattarsi di null'altro di un diversivo/ Ma Lui teneva in gran conto il Gacema superomistico dei calcolatori umani/la loro volubilità/ il fatto che si lascessero melassare da un incollatura con cui superavano il piccolo rivale nella Teoria Dei Giochi/ era una chiavica ma comprensibile dal suo punto di vista messianico: una Playstation to Station

venerdì 13 aprile 2012

Fascia Lemme 333. Anno 4441. Gravità Quantistica a Loop

Arrivai a Fara Mu Uyen che era già mezzanotte/ Tutti i riferimenti temporali nella città sono sincronizzati su una sorta di aurora boreale a scansione così che non siano casini nel determinare le ore di pausa dall'estrazione delle radici/ e le pause effettivamente non esistono perchè non esiste nè il giorno nè la notte/ L'incontro con il nano mi aveva lievemente destabilizzato e solo dopo averlo fatto avanzare in avanscoperta mi ero deciso a muovere il culo/ circa 25 dimmophasi dopo/ aveva scavalcato il passo di Bollox ed ero sceso nella valle aguzza che incanala la piccola metropoli dei matematici incantati/ il posto è sormontato da due enormi rape stilizzate alte almeno un quarto di Gaster e che stanno a simbolizzare la crescita della virtù intellettiva dalla perseveranza cieca/ o qualcosa del genere/ arrivato sulla via principale mi accorsi subito che non ricevevo molta attenzione dagli indigeni/ alcuni erano impegnati a trascrivere le formule ulteriori per ricavare un flop in più dalla dodegastomia applicata/ altri erano apparentemente fissi con lo sguardo al vuoto ma in realtà stavano ripetendo in stato di coma indotto tutte le 66 scale delle formule gaussiane rattrappite e quindi muovevano attraverso la main line senza apparentemente accorgersi di chi incrociavano ma sviluppando/ in realtà/ il settimo senso dei non vedenti e catturando le presenze fisiche senza però considerarle/ ero curioso di conoscere Egan l'MC del delirio numerico il vate dell'apostrofo statico il precursore dei Fottuti Erranti attraverso l'algebra delle possibilità/ Però si capiva che la realtà era confusa/ nessuno mi prestava orecchio e solo una manciata mi concedeva un occhio distratto/ giusto di sguincio/


Provai a fermare uno dei cavolfiori scientifici psicoattivi/ con mia sorpresa si mostrò molto disponibile a scambiare due chiacchiere/ Egan? provai a scucchiare/ Lui rise di gusto è in cima alla vetta Niaboc e mi indicò uno strano picco a forma di falce ricurva/ ma riceve solo su disattenzione/ in che senso? biascicai/ l'unica possibilità di trovarlo è quando si stacca dai cursori in questo momento penso stia interpretando la Bibbia della Dinamica Quantistica/ mi cadde la mascella quindi è più semplice beccarlo quando non vuole vedere nessuno?/ Precisamente/ è di temperamento ritirato?/ è il suo cervello che si è ritirato e prese un piglio ottuso/ mi fece un bizzarro effetto era un tipo anomalo per quello che mi aspettavo di trovare/ gli chiesi come si chiamasse e mi rispose MURK/ Murk mi colpiva pareva un ospite galleggiante in quella città di programmatori in vitro/ gli chiesi come mai avessi l'impressione che la City fosse in perenne Glub come se si estendesse e ritraesse al ritmo di un budello in digestione/ è frutto delle Glimmers che i matematici continuano a sdoganare mi rispose la piccola metroPOPoli non ha confini definiti si allarga e si accorcia a seconda delle energie mentali che vengono concentrate/ Buttai su una faccia stupefatta/ Murk sorrise senza sussiego e specificò ci sono dei punti di raccolta Fatimah sono compressori di foibe cerebrali MACROATTRATTORI la disciplina del calcolo non è così definita come puoi pensare spesso si aggrega a ramificazioni fittizie e tutti si svolgono in quella direzione come le falene intorno a un reattore i matematici sono molto più INFLUENZABILI PSICHICAMENTE di quanto tu possa credere/ quindi la ricerca non è eterodiretta azzardai è addirittura casuale e si basa sul potenziale di concentrazione che uno o più ipotalami riescono ad allacciare?/ Precisamente confermò lui serafico Questo posto è il Regno Dell'Assurdo ogni avanzamento è solo ipotetico non esiste una linea retta ma una serie di cerchi concentrici che si sviluppano proprio ai bordi di un baricentro del cazzo: caduto quello la City scivola al disfacimento/

giovedì 5 aprile 2012

Fascia Lemme 326. Anno 4441. Modello Ondulatorio

Mi indirizzai su Fara Mu Uyen/ non c'era granchè da fare solo superare un dislivello di 400 Obmann e poi ridiscendere avendo cura di evitare villaggi come Betchey Massian e Gostelpravo/ noti per essere abitati da licantropi e striminzite in calore rovinate dalla semantica/ erano i primi contrafforti del Regno della Legge/ Miracolo mi aveva assicurato che mi sarebbe stato fatto esplodere il cervello perchè il loro nocciolo duro di nozioni era troppo ingombrante per me/ Ma adoravo le sfide/ E Drifter?/ Mentre ansimavo lungo quei tornanti a imbuto ebbi la netta sensazione di avere abbandonato qualcuno che non lo meritava/ preso com'ero stato dal Giovane Longelan dai LeifMeister e dalle mie disavventure con i Cancer Foyer mi resi conto d'aver perso il contatto grigiomargine con il mio compagno/ capì di avere bisogno di un pò di conforto/ gli ultimi avvenimenti mi avevano troppo intrippato con un MegaDress che faticava ad appartenermi/ avevo ancora indosso la pelle superglissosa recuperata dalla grotta dei teppisti finocchi e una imponente stanchezza mi tagliava le ginocchia/ Capì di essere arrivato troppo in alto senza averne il fiato/ mi accoccolai su una radice di Marcela e riprovai il contatto Ommosferico con Drifter/ ma la situazione si ingarbugliava perchè la mia mente era ancora sovraeccitata e non era pronta ad appiattirsi su un distacco dalle foie superomiste/ ero troppo Gonfio/ abbassai le saracinesche sugli ma tutto quello che vedevo erano granelli di gloria e spacchi di omicidi/ il mio rivestimento sottocorticale mi inviava dati distorti o semplicemente fasulli e io vedevo Drifter solo attraverso i resti del Passato e non ne catalizzavo la Stance attuale/


Passò un nano che aveva una velocità raddoppiata rispetto al sottoscritto/ come preso da una vaga sensazione lo fermai gridandolo e gli chiesi se aveva intenzione di fermarsi a Fara Mu Uyen/ portava i capelli con una bella riga sulla parte occhiali in Dou e una corporatura tozza: da Fletcher assiduo praticante di partite a contatto/ mi rispose che: CAZZO CERTO CHE SI/ gli chiesi se non avesse paura dell'overload di info o delle prove di abilità in meticciato fra la goniometria ossessiva e pura perizia d'arte di calcolo/ mi rspose che: OH MERDA SE STESSIMO TUTTI A PREOCCUPARCI DI QUELLO CHE POSSIAMO SBAGLIARE NON CI SAREBBE PIù VITA SULLA TERRA/ era bizzarramente gioviale/ mi sare aspettato un rompicoglioni di prima/ gli chiesi qualche luce su ciò che mi avevano ammarato prima presso i Cancer Foyer cioè se era vero che chi non afferrava subito tutto il Riddim di Fara Mu Uyen e soprattutto l'asciutta ironia e la grande elasticità di Egan fosse condannato a ripetere i propri zoppicamenti in eterno fino a diventare un balbuziente dell'anima/ o un lobotomizzato della Divagosfera/ cioè che alla fine se non si pigliava subito il bandolo della matassa finivi con l'avvolgerti e prendere un capo di fine per un inizio e viceversa/ in un interminabile rincorri e scappa fino alla consunzione/ il Nano mi guardò come se mi spiasse da un circo di capoccioni tirati su a false informazioni e subconvincimenti/ PUO ESSERE NON AFFRONTO QUESTI ARGOMENTI IO VOGLIO SOLO METTERMI ALLA PROVA NELLA SCUOLA DI FORMAZIONE ERO IL PRIMO IN GROVESNOR COMPUTE E DIRECTION INDUCED/


di fronte a una risposta del genere mi si esaurirono le forze/ era chiaro che mi stavo avviando a un calcolo delle probabilità con il culo scoperto